Una mamma ad alto contattoHo scoperto di essere una mamma ad ” alto contatto ” quando ho letto alcuni articoli che parlavano di questa nuova filosofia. In realtà la stavo già mettendo in atto, non sapendolo. I tre principi fondamentali dell’ alto contatto sono questi:

  • I genitori “ad alto contatto” amano portare il proprio figlio legato al corpo grazie a marsupi e fasce. Oltre a favorire un contatto più diretto e intimo con la madre o il padre, l’utilizzo di fasce-marsupio aiuta il corretto sviluppo della colonna vertebrale del bambino.
  • Un allattamento prolungato: le mamme che aderiscono a questa filosofia, scelgono di proseguire l’allattamento al seno anche quando il bambino inizia ad avere alcuni anni. Altra prerogativa è quella di non imporre orari ma rendersi disponibili a sfamarlo in qualsiasi momento il bambino sia affamato. Naturalmente ciò non comprende il totale annullamento della madre nei confronti del bambino, ma solamente il mettersi a sua disposizione per soddisfare i suoi bisogni, non ancora inquadrati in delle logiche sociali a lui sconosciute e incomprensibili. Un atteggiamento decisamente controtendenza oggi, dove una mamma che allatta in pubblico desta ancora scandalo.
  • Il co-sleeping: in accordo con i papà, le mamme “ad alto contatto” scelgono di far dormire i bambini nel lettone dei genitori per molto tempo. Naturalmente, una scelta di questo può comportare delle problematiche per l’intimità della coppia, ma questa può essere vissuta in tanti modi. Ciò che ci si guadagna è regalare al proprio figlio una sensazione di sicurezza, proprio come quando era nel grembo materno. E per coloro che hanno paura che il bambino possa non abituarsi mai a dormire da solo nella propria cameretta, possiamo rispondere che alcune mamme hanno testimoniato che, all’improvviso, i propri figli hanno chiesto in maniera autonoma di andare a dormire da soli. Forse bisognerebbe dare più fiducia ai bambini.

Questa nuova filosofia “ad alto contatto” sembra una pratica non semplice da portare avanti, ma offre numerosi benefici, sopratutto per i nostri figli. Il contatto fisico è un elemento fondamentale per tutti quanti, specialmente per i più piccoli. In ogni caso alla base c’è il concetto più semplice e naturale del mondo: l’amore. Perché dobbiamo lasciar piangere nostro figlio quando potremmo prenderlo in braccio e dimostragli che tutto va bene? Io ho già’ fatto la mia scelta!

E voi mamme cosa ne pensate?

Consigli per la lettura: Besame mucho di C. Gonzales

Mamma, rimani aggiornata!

Mamma, rimani aggiornata!

Vorresti ricevere una notifica sulle novità del blog? Scrivi qui la tua email per ricevere la nostra newsletter.

Ti sei appena iscritto/a! Grazie!